10 consigli per imparare davvero nelle scuole di musica!

Aggiornamento: 19 mag

Quante volte arrivano in segreteria persone scontente per aver frequentato scuole di musica per anni senza aver imparato nulla!


E’ importante affrontare il percorso musicale nel modo corretto dunque mettiamo qui sotto qualche piccolo consiglio:



1. IMPARARE IL METODO, PIU' DEL CONTENUTO


Studiare musica in modo serio non è una passeggiata dunque dovete cercare il metodo che renda il vostro viaggio più piacevole possibile.


Ricordo una ragazzina qualche anno fa che mi disse: “io studio canto tutte le mattine in bagno mentre mi lavo e mi vesto!” Ho trovato la cosa geniale! In bagno sei davanti ad uno specchio, ideale per le posizioni del canto, probabilmente ogni mattina ti trattieni in bagno 20 minuti… tempo perfetto, quale miglior occasione per fare allenamento con la voce?!


Con il metodo che si adatta a voi e alla vostra vita sarà semplice arrivare ai contenuti e fissarli passo dopo passo. Sperimentate vari metodi, chiedete al vostro insegnante consigli utili e pretendete che sia esigente con voi. In questo modo difficilmente vi presenterete impreparati alla lezione successiva.


Lo studio della musica è un percorso di piccoli passi dove quello successivo dipende da quello precedente.



2. MEGLIO POCO E OGNI GIORNO


Quando le persone si iscrivono a scuola hanno sempre l'idea che per imparare a suonare serva dedicare tante ore allo studio. In realtà se si ha l'obbiettivo di diventare strumentisti classici questo è di certo vero. Tuttavia i nuovi metodi moderni permettono di raggiungere buoni risultati con il minimo impegno.


Abbiamo notato che i maggiori progressi si portano a casa ritagliando 10 -15 minuti di allenamento al giorno piuttosto che due ore una volta a settimana. Trova un momento FISSO della giornata che non intralci con i tuoi impegni e cerca di rispettarlo come fosse una routine quotidiana.



3. NON TRASCURARE L'IMPOSTAZIONE


Come scuola battiamo sempre il chiodo con i nostri insegnanti sull’impostazione. Un’impostazione errata porta il percorso musicale a fermarsi di fronte ad un muro prima o dopo.

Purtroppo spesso arrivano allievi che da anni cantano o suonano in modo errato.

L’effetto sonoro sembra giusto ma le posizioni sbagliate impediscono qualunque tipo di miglioramento.

Dunque concentrati sull'impostazione durante le tue sessioni di allenamento a casa.


Eseguire bene ma con l'impostazione errata equivale ad eseguire male.



4. CONFRONTATI CON L'INSEGNANTE


Parla dei tuoi progressi con l’insegnante ogni 3 mesi. Nessuno meglio di lui saprà consigliarti. Non avere paura nel dirgli che ti sembra di non andare avanti o che ti stai perdendo. Solo lui può darti una nuova carica per continuare nei momenti down… e nella musica ce ne sono tanti!


Avvertire l'insegnante che ti sembra di non migliorare non equivale a fare una critica al suo lavoro ma serve per aiutarlo a cercare una soluzione.



5. REGISTRATI


Registrare sè stessi mentre si canta o si suona è importantissimo per poter fare paragoni. Cerca di registrarti almeno una volta all’anno e sentirai subito tutti i difetti che potrai cercare di risolvere l’anno successivo.

Con gli smartphone non è più complicato. Puoi chiedere a qualcuno di tenere il cellulare mentre tu canti o suoni su una base. Non devi registrare un disco, semplicemente devi poterti ascoltare dall'esterno.



6. PONITI DEGLI OBBIETTIVI PRECISI OGNI ANNO


Non frequentare una scuola a caso. Poniti degli obbiettivi precisi di miglioramento e perseguili. Se non sai fare tu questa valutazione falla fare al tuo insegnante, lui saprà costruire il tuo percorso su ciò che ti manca, non su ciò che già conosci.



7. LA LEZIONE NON E' UN'ESIBIZIONE


Ricorda che vai a lezione per imparare cose che non sai, non per far vedere quanto sei bravo. Se sai già suonare la chitarra alla velocità della luce è inutile andare a lezione affrontando pezzi di Steve Vai o di Malmsteen. Prova a lavorare sui suoni, sul tocco, su altri chitarristi quali Gilmour, oppure aggiungi al tuo bagaglio la conoscenza della chitarra classica.



8. NON TRASCURARE LA TEORIA MUSICALE


Abbiamo sempre offerto a scuola il corso complementare di teoria musicale gratuito ma va deserto quasi ogni anno.

E’ un vero peccato perchè la parte teorica è invece un enorme sostegno alla parte tecnica di ogni strumento. Se la scuola che frequenti offre questo corso ti consiglio di frequentarlo, anche se potrà sembrare noioso. Non te ne pentirai!



9. METTI IN PRATICA


Qualunque lezione è inutile se non hai poi modo di mettere in pratica ciò che impari. Cerca in tutti i modi di suonare o cantare con altri musicisti, forma una band, suona alle feste, frequenta i Karaoke, buttati nella mischia insomma e sporcati le mani! Non è importante se ciò che sentirai i primi tempi farà oggettivamente schifo, credimi che il miglioramento è dietro l’angolo ed è solo questione di dedizione.


10. DATTI TEMPO


Ogni persona è diversa. Abbiamo visto ragazzi fare dei passi da gigante in un paio d’anni essendo molto portati e altri ragazzi ottenere gli stessi risultati ma in qualche anno in più, perchè meno portati.

Dipende da quanto ci credi.

La musica è aperta a tutti e ti dà tutto il tempo che vuoi.

Non metterti fretta, goditi il percorso, fatti aprire la visione e fatti aiutare dalla musica. Divertiti e trova nuova energia nei momenti down magari andando ad un concerto.


 

Francesca Chiara

Artista, Vocal coach, Naturopata AIOC

Direttore Artistico SKEL MUSIC SCHOOL www.skelmusicschool.it




















Here’s how to do it:

  1. Head to your Members Page

  2. Search for the member you want to make a writer

  3. Click on the member’s profile

  4. Click the 3 dot icon ( ⠇) next to the Follow button

  5. Select Set as Writer.

44 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti